Banca dati progetti e interventi di Prevenzione e Promozione della Salute
Pedibus - Programma Regionale
Regione Lombardia
Progetto avviato nell’anno 2010 - Ultimo anno di attività : 2019


Abstract
  • Obiettivo generale
    • I PEDIBUS rappresentano una opportunità organizzata per aumentare il livello di attività fisica nella popolazione (indicazioni OMS) e contrastare la sedentarietà, in particolare nei bambini. Il loro obiettivo è quindi quello di contribuire alla prevenzione delle cronicità, promuovere la cultura di uno stile di vita attivo e sostenere contestualmente fattori di salute psico-sociali individuali e collettivi.
  • Analisi di contesto
    • In Lombardia la sedentarietà è un comportamento diffuso nell'infanzia, in adolescenza e tra la popolazione adulta (sono circa il 38% i lombardi sedentari) sebbene con criticità meno evidenti rispetto ad altre zone del Paese.
      I dati della sorveglianza OKkio alla salute (2016) che è focalizzata sui bambini della scuola primaria, indicano che complessivamente il 25% di loro presenta un eccesso ponderale (che comprende sia sovrappeso sia obesità). Più nel dettaglio: lo 0,6% presenta un'obesità grave, il 5% è obeso e il 19,2% sovrappeso. La maggioranza dei bambini (il 74,2%) risulta normopeso e l'1% sottopeso. Il confronto con i valori di riferimento internazionali evidenzia che la situazione è particolarmente grave.
      I risultati del rapporto accrescono la preoccupazione sul futuro stato di salute della nostra popolazione anche perché la letteratura di settore conferma il rischio che il sovrappeso, e in misura sensibilmente maggiore l'obesità, già presenti in età pediatrica ed adolescenziale persistano in età adulta.
      Okkio alla salute indaga anche il livello di attività fisica che, insieme alla corretta alimentazione, rappresenta uno strumento fondamentale per ridurre l'obesità. Si stima che in Lombardia circa 1 bambino su 5 sia fisicamente inattivo, maggiormente le femmine rispetto ai maschi. Solo il 2% ha un livello di attività fisica raccomandato per la sua età, strutturate. Sono inoltre molto diffusele attività sedentarie, come il trascorrere molto tempo a guardare la televisione e giocare con i videogiochi/tablet/cellulare.
      I dati a livello internazionale indicano un costante declino nell'abitudine di andare a scuola in bicicletta o a piedi, passando dal 47.7% nel 1969 al 12,7% del 2009 (McDonald et al., 2011). I dati Lombardi sono più confortanti. Il 32% dei bambini, la mattina dell'indagine OKkio 2016, ha riferito di essersi recato a scuola a piedi. Ulteriori sforzi devono essere fatti per aiutare il restante 68% a fare scelte più salutari.
      La scuola può giocare un ruolo fondamentale nel migliorare lo stato ponderale dei bambini, sia creando condizioni favorevoli per una corretta alimentazione, all'aumento dell'attività fisica e per creare occasioni di comunicazione con le famiglie che determinino un loro maggior coinvolgimento nelle iniziative di promozione di una sana alimentazione e dell'attività fisica dei bambini. Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha avviato iniziative per il miglioramento della qualità dell'attività motoria svolta nelle scuole primarie.
      In Lombardia nel corso dell'anno scolastico 2017/2018 sono presenti 2451 scuole primarie per un totale di 473 295 studenti (fonte ufficio scolastico regionale). Il 96% delle scuole ha cominciato a realizzare almeno una delle attività fisiche proposte dal Ministero dell'Istruzione.
      Il fatto che la scuola primaria sia scuola dell'obbligo, quindi rivolta a tutta la popolazione campione, e diffusa in modo capillare sul territorio, le permette potenzialmente di poter raggiungere l'intera popolazione bersaglio con le proprie attività motorie, Piedibus compreso il quale, non prevedendo costi per i partecipanti, lo rende usufruibile da parte di tutti. Inoltre, il coinvolgimento di associazioni e persone volontarie presenti sul territorio ne garantiscono la sostenibilità nel tempo.
  • Metodi e strumenti
    • Il Pedibus consiste nella trasformazione del tragitto scuola - casa, normalmente percorso in autobus o in auto, in percorso pedonale. I bambini raggiungono la scuola a piedi, accompagnati da volontari adulti e percorrendo un itinerario prefissato e dotato di fermate.
      Per l'avvio/diffusione di Pedibus l'ATS:
      - Attiva collaborazioni con Scuole e Enti Locali, Soggetti no profit, altri soggetti della comunità locale
      - Fornisce consulenza sugli aspetti organizzativi necessari alla organizzazione e gestione, ed eventuale supporto tecnico in particolare in riferimento alla formazione di volontari
      - Promuove processi di comunicazione e di rete per diffondere e dare sostenibilità alle pratiche
      - Raccoglie i dati relativi alla loro diffusione sul territorio di competenza

      L'esperienza del Pedibus permette di condividere tra i partecipanti modalità intrinsecamente orizzontali e mediate di relazione superando, nei fatti, eventuali differenze socio economiche. C'è una particolare attenzione anche a creare le condizioni necessarie a far favorire la partecipazione anche a eventuali bambini con difficoltà di deambulazione.

      La modellizzazione del Pedibus come programma di riferimento per tutte le ATS a livello regionale è avvenuta all'interno del più ampio percorso di miglioramento delle pratiche e dei programmi di promozione della salute promosso da Regione Lombardia con il coinvolgimento di numerosi soggetti di diversa appartenenza disciplinare e organizzativa (SSR: educatori professionali, psicologi, assistenti sanitari, medici, pediatri, ecc.; SCUOLA: dirigenti, insegnanti, personale non docente; Rappresentanti deli genitori singoli o associati; EELL: amministratori locali, policy maker, polizia locale, associazioni di volontariato, associazioni di pensionati ecc.).
      In ogni singolo plesso in cui il Pedibus è attivato sono formalmente definiti aspetti organizzativi, ruoli, responsabilità dei diversi attori in gioco.

      A livello territoriale, le ASL e Agenzie Tutela della Salute hanno prodotto molteplici strumenti di lavoro e di indirizzo metodologico relativamente all'implementazione del Pedibus (due di questi "Manuali" sono allegati a titolo esemplificativo).
  • Valutazione prevista/effettuata
    • * IMPATTO
      INDICATORE: diffusione e copertura territoriale
      Formula: n. Plessi scuola primaria con Pedibus/n. totale Plessi scuola primaria territorio ATS
      INDICATORE: copertura popolazione target
      Formula: n. studenti 6-10 anni partecipanti/popolazione 6-10 anni territorio ATS
      *APPROPRIATEZZA
      INDICATORE: diffusione PEDIBUS nelle Scuole aderenti alla Rete SPS
      (Formula: n. IC della Rete con PEDIBUS/n. totale IC aderenti alla Rete sul territorio ATS
      *SOSTENIBILITÀ
      In relazione alle azioni di competenza sanitaria, è determinata dal grado di consapevolezza degli amministratori locali circa l'impatto di "salute" di Pedibus (prevenzione sedentarietà, miglioramento aria, attivazione intergenerazionale/invecchiamento attivo, sviluppo psico-sociale, ecc.). E' quindi sostenuta da azioni di advocacy ed osservabile in base al radicamento/non abbandono della pratica da parte delle amministrazioni locali e, quindi, conseguentemente, da parte delle comunità locali.
      INDICATORE: numero di volontari coinvolti a livello regionale nel programma.
  • Note
    • In letteratura emergono evidenze sulle ricadute positive in termini di salute dei pedibus, accanto a raccomandazioni per la progettazione di studi futuri. Per rendere più sostenibile e diffusa la pratica del Pedibus tali studi devono affrontare le barriere riguardanti i vincoli di tempo, il reclutamento di volontari e le preoccupazioni dei genitori sulla sicurezza, aumentando contemporaneamente la convenienza e il risparmio di tempo per le famiglie

      Kingham, S., Ussher, S. (2007). An assessment of the benefits of the walking school bus in Christchurch, New Zeland. Transportation Research Part A: Policy and Practice, 41(6), 502-510

      Kong, A. S., Sussman, A. L., Negrete, S. , Patterson, N. , Mittleman, R. and Hough, R. (2009), Implementation of a Walking School Bus: Lessons Learned*. Journal of School Health, 79: 319-325. doi:10.1111/j.1746-1561.2009.00416.x

      Cornelia J. Baines, Teresa To, Anthony B. Miller (2016). Revised estimates of overdiagnosis from the Canadian National Breast Screening Study. Preventive Medicine, 90, 72-78

      Bo Pang, Krzysztof Kubacki and Sharyn Rundle-Thiele (2017). Promoting active travel to school: a systematic review (2010-2016). Pang et al. BMC Public Health (2017) 17:638 DOI 10.1186/s12889-017-4648-2
Tema di salute prevalenteTemi secondariSettingDestinatari finali
ATTIVITA' FISICA
AMBIENTI DI VITA
Inquinamento
Benessere a scuola
Incidenti stradali: uso dei dispositivi di sicurezza (seggiolini, casco, ...)
SALUTE MENTALE / BENESSERE PSICOFISICO
inattività e sedentarietà
Ambiente scolastico
Comunità
Scuola primaria
Obiettivi specifici e interventi/azioni
Documentazione di progetto
Materiale di comunicazione e informazione
Allegato 4_Volantino informativo ATS Brianza
Materiale di comunicazione e informazione
Allegato 6_Brochure convegno Pedibus Locate Triulzi 2017
Materiale formativo/educativo
Allegato 7_Convegno ATS Milano 2017
Materiale formativo/educativo
Allegato 8_Convegno Pedibus Locandina
Relazione finale
Report su programmi e iniziative regionali in tema di Attività fisica (Pedibus è parte di strategia regionale generale)
Documentazione progettuale
Allegato 1_documento di progetto Pedibus
Documentazione progettuale
Allegato 2_Linee Guida per attivazione Pedibus ATS Milano
Documentazione progettuale
Allegato 3_Indicazioni per attivazione-ATS Montagna
Documentazione progettuale
Allegato 5_Lettera e questionario per le famiglie
Altro
Delibera consiglio regionale di approvazione del Piano Regionale prevenzione in cui si colloca il programma
Altro
Testo del Piano Regionale Prevenzione in formato PDF (utile per ricerca termini specifici nel testo)
Altro
Report dati OKKIO alla salute 2014 e 2016 (valutazione bisogno)
Strumenti di analisi e valutazione
Allegato 9_documento finale di valutazione
Documentazione azioni interventi
Materiale di comunicazione e informazione
Allegato non descritto2017
Allegato non descritto2017
Allegato non descritto2017
MandatiScuola PoloFinanziamenti
   
Responsabili e gruppo di lavoroEnti promotori e/o partner
CELATA CORRADO (responsabile)
Regione Lombardia - DG Welfare
Email: corrado_celata@regione.lombardia.it
Amministrazione Locale
EELL

Scuola
USR

Amministrazione Locale
Polizia locale

Associazione
Associazioni di volontariato del territorio


Dors Regione Piemonte - Centro di Documentazione per la Promozione della Salute